Commit 5a956747 authored by Simone Piccardi's avatar Simone Piccardi
Browse files

Revisione con le ultime modifiche suggerite da Micheal von Guggenberg.

parent 493d823a
......@@ -135,7 +135,26 @@ repository di fuss, si utilizzi un contenuto analogo al seguente::
chiave GPG di firma dei pacchetti, con::
# wget -qO - https://archive.fuss.bz.it/apt.key | sudo apt-key add -
Con il passaggio a Debian Buster di default le interfacce di rete assumono i
nuovi nomi dipendenti dall'hardware, per cui al posto di ``eth0`` ed ``eth1``
si avranno nomi come ``ens18`` o ``ens19``. La configurazione delle stesse con
``cloud-init`` riporta però automaticamente in uso i nomi tradizionali, per
cui non serve preoccuparsi di questo cambiamento nelle configurazioni, con una
eccezione: la eventuale terza interfaccia dedicata al captive portal, che non
deve essere configurata.
Non essendo configurata questa prenderà il nome di default, variando rispetto
a quello che si avrebbe con una Debian Jessie. Si può però evitare il
cambiamento (consentendo il riutilizzo senza cambiamenti dei nomi usati in un
precedente ``fuss-server.yaml``) configurando opportunamente le opzioni di
avvio del kernel, inserendo in ``/etc/default/grub`` la riga::
GRUB_CMDLINE_LINUX="net.ifnames=0 biosdevname=0"
in questo modo le interfacce verranno comunque chiamate ``eth0``, ``eth1`` ed
``eth2``.
Infine per evitare che la voce di configurazione per ``lo`` presente in
``/etc/network/interfaces`` sovrascriva la stessa voce che ``cloud-init``
configura con un suo file sotto ``/etc/network/interfaces.d``
......@@ -236,6 +255,10 @@ Si eseguano poi i comandi::
# > kern.log
# > user.log
# > daemon.log
# > installer/syslog
# > wtmp
# > btmp
per fare una pulizia finale, compreso ricreare vuoti i file modificati
dal sistema mentre era in uso.
......
Markdown is supported
0% or .
You are about to add 0 people to the discussion. Proceed with caution.
Finish editing this message first!
Please register or to comment